Alinari e l'Italia, così un Paese si guardò allo specchio

di VITTORIO RAGONE*

Un cortiletto, un balconcino con i panni stesi ad asciugare che affaccia su una piazzetta di Santa Lucia. Napoli.  La pettinatrice sistema i capelli della signora. Intorno, altre donne guardano: chi valuta l'acconciatura e dice la sua, chi fissa l'obiettivo del fotografo.  E' il 1895.



leggi anche:  PERCHE' ALINARI NON E' UN MUSEO   di MICHELE SMARGIASSI


Eccola, l'Italia degli Alinari. Un Paese che si guarda allo specchio e vede facce e piazze, sindaci in posa e grandi lavori maniacalmente ritratti, campanili e chiese, botteghe artigiane e opere d'arte, navigli e autobus a cavalli, militari in parata, eventi eroici e frammenti di vita ordinaria: un lungo storytelling nazionale, si direbbe oggi, cominciò nel 1852, anno di fondazione della casa madre della fotografia italiana, e prosegue fino a oggi. Tre fratelli fiorentini avviarono la loro impresa ignari che nel tempo sarebbero divenuti i custodi dell'immagine tricolore, una sorta di internet ante litteram che consentì a molti di viaggiare con gli occhi, e di conoscere, anche dove non potevano arrivare.

ACA-F-11658A-0000JPG


Già domani, venerdì 16 aprile, foglieviaggi lancerà questa storia affascinante nel suo sito. poi andrà online ogni sabato una tessera di "L' Italia, com'era", mosaico del secolo scorso dentro le immagini indimenticabili oggi affidate a una Fondazione della Regione Toscana presieduta da Giorgio Van Straten e diretta da Claudia Baroncini. L'idea di costruire una serie è nata il 15 febbraio scorso, quando gli Archivi Alinari in conferenza stampa presentarono un bilancio nella transizione da azienda privata a istituzione pubblica che vuol diffondere e condividere l'immenso archivio - oltre 5 milioni di "oggetti" - di cui dispone. A chi ha amato da adolescente gli scatti Alinari, mettere insieme firme giornalistiche di qualità e la suggestione delle immagini è venuta naturale. La Fondazione ha valutato la proposta, e ha concesso le foto con generosità.

leggi anche:   ARCHIVIO ALINARI, 5 MILIONI DI IMMAGINI E DI OGGETTI

guarda anche: UNA INTERVISTA DI RAINEWS24 su L'ITALIA,COM'ERA"


“L’Italia, com’era”  è un format che attraversa dieci città italiane offrendo ogni sabato una fotogallery e un racconto d’autore. Il testo guida proporrà di volta in volta un tema, un evento, una riflessione. Il compito di raccontare l'epopea Alinari  è affidato a Michele Smargiassi, giornalista di Repubblica ed esperto di fotografia;  il commento sul rapporto fra emozioni e immagine alla scrittrice Federica Iacobelli.  E Giorgio Van Straten racconterà a Franco De Felice i nuovi progetti della Fondazione.


FVA-S-211000-0021JPG


leggi anche:   UNA STORIA LUNGA PIU' DI 150 ANNI


Nella prima puntata, il 17 aprile, Roberto Roscani presenterà “Roma sparita”: il cambiamento urbanistico avvenuto all’ inizio del XX secolo, quando intere aree della capitale furono sventrate per celebrare i fasti della monarchia. Settimana dopo settimana guarderemo e leggeremo “Napoli, i volti e le vie” con Marcella Ciarnelli, “Genova e il porto” con Roberto Orlando, “Bologna, canali e tram" con Jenner Meletti, “Bari. L' Acquedotto pugliese" con Maddalena Tulanti, “Milano operaia” con Oreste Pivetta, “Torino. Dinastie e popolo” con Andrea Aloi, “Venezia, magia diversa" con Nicola Fano, “Palermo e i mercati” con Enzo D’Antona, “Firenze. Casa madre" con Franco De Felice.

Ogni gallery, costruita in forma video, avrà una colonna sonora realizzata ad hoc nonostante le difficoltà dovute alla pandemia. La selezione è della musicista Adriana Tessier, le esecuzioni (in alcuni casi composizioni proprie) sono di Riccardo Calogiuri (Roma), Gian-Luca Petrucci e Antonio De Rose (Genova), Enrico Truffi (Napoli e Milano), Veronica Ramonda e Martina Massimino (Torino e Venezia),  Nicolò Renna (Palermo), Benedetta Sette (Bologna), Merna Formato e Rossella De Ioanni (Bari), Claudio Paradiso (Firenze).   


*VITTORIO RAGONE (ha fondato www.foglieviaggi.cloud. Nato a Castellammare di Stabia nel 1955, ha lavorato prima all'Unità poi a Repubblica. Ama il trekking e l'opera, lo appassionano le nuove tecnologie e la fantascienza. Tifa Juve Stabia e Napoli, in sequenza)


clicca qui per mettere un like sulla nostra pagina Facebook
clicca qui per seguirci su Twitter
clicca qui per consultarci su Linkedin
clicca qui per guardarci su Instagram